[home] - [blog] - [i miei libri] - [commenti libri]  
       
 
La mia Biografia

Classe '64, romagnolo doc, un Diploma in Elettronica Industriale (che non c'entra niente), un semi-dottorato in Scienze dell'Informazione a Pisa (che c'entra solo un po' di più), e tanti lunghi viaggi zaino in spalla e pochi soldi dopo una decina di anni da commerciante, così posso sintetizzare i primi 33 anni della mia vita.

E' stato viaggiando che ho riscoperto la scrittura. Mi piace scrivere. Scrivere o, meglio, imparare a dare una buona forma ed un senso compiuto e comprensibile a sensazioni, esperienze, osservazioni e - soprattutto - errori, è in assoluto il mio viaggio più bello!

Ma ogni viaggio è pieno di imprevisti, così dopo i mal di pancia (è un eufemismo) ogni volta che mi confrontavo col mondo editoriale, ho lasciato perdere i circoli viziosi (invia manoscritto, aspetta per mesi una risposta, rinvialo di nuovo) per dedicarmi totalmente a quel che potevo costruire e plasmare giorno dopo giorno con le mie mani, le mie idee, la mia passione. Viaggiatorionline è uno dei portali web che mi pregio di dirigere, ma il discorso libri era tutt'altro che chiuso.

Dopo essermi affermato, lavorativamente parlando, sono tornato alla carica col mondo editoriale.  Non mi piace, quel mondo, ma lo ritengo un percorso obbligato, ed anche giusto, perchè i libri dovrebbero stare in libreria, e non altrove. E' stato brutto, molto brutto intuire che quanto posso fare (e non è poco) dalla pubblicazione in poi non garantisce un sicuro ritorno dell’investimento, così quel rifiuto - ed anche una piccola dose di rabbia, in verità - ha fatto da carburante ad una idea che, partita in sordina, ha preso sempre più slancio. In fondo un nome ormai molto diffuso su Internet, un annesso giro di contatti, e una espressività che mi hanno promosso a giornalista per Viaggiando, mensile di viaggi e turismo, sono una buona base di partenza, anzi ottima! 

È così la mia ricerca di un editore, anzi di un Editore, si è finalmente conclusa.

Sta a vedere che tra qualche anno, come oggi i Tour Operator, anche i grossi gruppi editoriali ruberanno e copieranno qualcune delle idee che - quando proposte - nemmeno sono state degnate di una risposta. Ma a prescindere, il mio piacere più grande sarà confrontarmi direttamente con le persone.


La mia Filosofia

Da anni web-editor (non confondetemi con un normale redattore: in realtà a volte mi sembra d’essere solo un grande "fagiolone", factotum dal correttore di bozze al postino elettronico, al creatore di contenuti web, al segretario...), solo da "grande" ho deciso di dedicare le mie conoscenze di internet a un sito web tutto per lo scrittore che sono, sono (quasi) sempre stato e, spero, sempre sarò.

Il problema maggiore è che - anche se complicato - pubblicare un libro è solo il primo passo (e quello più facile per giunta) di un viaggio intorno al mondo. Far leggere un libro è un infatti obiettivo che si raggiunge solo superando ostacoli altissimi, poi se son rose... Internet non è molto adatto a presentare-vendere libri. Un lettore (mi ci metto anch'io) vuole toccare con mano un testo, leggerlo qua e là assecondando gusti ed estri del momento, mentre Internet concede al massimo una immaginetta di copertina e qualche brano, offre sensazioni tutto sommato "fredde" che non dicono nulla sulla qualità della carta o della stampa, e solo un poco di più sul contenuto. Il rovescio positivo della medaglia è che Internet è una finestra sempre aperta suol mondo e permette un TamTam o uno scambio di opinioni positive (o negative) immediato e aperto a chiunque, come dovrebbe essere (e non è) anche per ogni altro ruolo lavorativo.

Il passaparola svolge un ruolo importante per i miei libri.

Chi legge può giudicare meglio di me quel che pubblico, e se merito di essere letto non dovrebbe essere poi così difficile lasciare qui un apprezzamento, no? Lo spazio in Commenti è libero e accessibile a tutti. Sono stato personalmente presente in ognuno dei portali che sono nati da me e dalla mia redazione, e non ho nessuna intenzione di cambiare proprio adesso. Coltivare individualmente i rapporti è più lento, ma è gratificante condividere idee e confrontarsi, quindi ogni valutazione, critica, idea, informazione o notizia, purchè si usino educazione e rispetto, è la benvenuta.

Concludo con un paio di cose su di me. Sono spesso sorridente, sempre curioso, volentieri ironico. Essere sorridenti dovrebbe fare parte di tutti coloro che non hanno problemi insormontabili, quindi della stragrande maggioranza delle persone. È aria fritta? Può darsi, ma niente e nessuno potranno mai indurmi a dare per scontate le gambe su cui cammino, le mani con cui scrivo, tocco, afferro, gli occhi con cui osservo, e potrei andare avanti per giorni e giorni nell’elencare le cose meravigliose che la natura e la fortuna mi hanno donato.

Mi dicono spesso che sono molto diretto. Pregio o difetto che sia, non mi faccio problemi nell'esprimere quel che sento. Trovo inutile nascondere ciò che dice il cuore. Che lo si faccia per timidezza o per volgare opportunismo, prima o poi i nodi vengono comunque al pettine, e allora perchè perdere tempo e farsi un fegato grosso così?

Mi piace parlare, confrontarmi senza preconcetti con persone e pensieri diversi. Io ci sono. Voi?




Invia questa pagina a un amico!  Invia questa pagina      Versione stampabile  Versione stampabile      Stampa questa pagina


 
  (C)Viaggiatorionline [sulla strada] - [acquista] - [biografia] - [contatto]