Storico

Scomparso il 5 per mille

Questo governo sembra goda a cadere sempre più in basso. La norma del 5 per mille, introdotta dalla precedente manovra varata nel 2005, che prevedeva la possibilità per ogni contribuente di destinare una quota pari al 5 per mille del proprio gettito Irpef al volontariato, alla ricerca scientifica e sanitaria, alle università e al proprio Comune di residenza, è stata di fatto amputata, di fatto affossata, nella Finanziaria 2007.

Moltissime le proteste dalle associazioni beneficiarie e dalla politica, abbastanza bipartizan. Non si tratta, a mio avviso, SOLO di una mancata attenzione nei confronti del terzo settore (volontariato, associazionismo, ricerca, ecc) ma è proprio il reato del FURTO, ancor più grave in quanto perpetrato da una istituzione a danno dei cittadini, ad emergere da questo fattaccio

Il 5 per mille viene comunque tolto dalle nostre tasche, a noi che li avevamo destinati, risulta, a circa 38.000 enti.

Se si tratta di una dimenticanza (può succedere, con le tante poltrone – e relativi privilegi – che sono in gioco, da ungere e mantenere) sarà bene che si rimedi al più presto.

Se l’atto è invece stato voluto, beh, mi pare una ragione di più per non rinnovare un mandato a gente che non si fa scrupoli a mettere le mani su soldi che non sono loro (come è già successo anche col TFR, ricordate?), e che non mantiene quanto scritto nero su bianco, gli aumenti salariali verbalizzati e non ancora corrisposti che stanno causando scioperi di tutti i dipendenti del pubblico impiego (enti, scuola, sanità ).

Scritto 29/10/2007

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.